Claudio Morales
Diabolik ora ha un nome

Claudio Morales, ecco a voi Diabolik

L’attore è il sosia dell’eroe dei fumetti

In più occasioni è stato scelto per la sua straordinaria somiglianza con il ladro in tuta nera

Claudio Morale sosia Diabolik

Chi si cela sotto la maschera di Diabolik? Tuta aderente, capelli nerissimi, sguardo di ghiaccio. Da sempre il famoso personaggio dei fumetti, che quest’anno ha festeggiato i 55 anni, suscita la curiosità di appassionati del genere. Ora però il misterioso criminale ha un volto, quello di Claudio Morales. Attore e modello, Claudio è nato a Roma da mamma spagnola e padre napoletano. Fin da giovane calca i set, perfezionandosi nella recitazione. Vive tra Roma e Manchester e ha partecipato a numerose produzioni sul piccolo e grande schermo.

  • Negli ultimi lavori sei stato notato per la tua straordinaria somiglianza con Diabolik.

Nei lavori come modello o attore ricorre sempre di più la mia somiglianza con Diabolik. Ma non è l’unico personaggio al quale sono stato paragonato per le mie caratteristiche fisiche. Sono stato infatti notato più volte anche per la somiglianza con Antonio Banderas, uno dei pochissimi attori europei riuscito ad affermarsi ad HollywoodDiabolik è probabilmente il fumetto storico più conosciuto in Italia. Fra l’altro è in preparazione una serie proprio su Diabolik che verrà trasmessa su Sky. Sono consapevole però che, per gli enormi interessi economici che ci sono dietro, verrà sicuramente scelto qualche famoso attore americano per il ruolo di Diabolik. Ma  il video estratto dallo spot che ho recentemente girato, ha avuto, nel giro di poche settimane, solo su Youtube più di 500.000 visualizzazioni, un dato significativo… incrociamo le dita…

  • Come vivi il rapporto con il personaggio di Diabolik?

Ovviamente la somiglianza con un personaggio dei fumetti dal fascino unico come Diabolik la vivo in modo positivo ed entusiasmante. E’ però importante non fossilizzarsi su una somiglianza e non legarsi troppo a un personaggio, ma riuscire ad interpretare sia al cinema che nella pubblicità vari ruoli come attore. Bisogna essere camaleontici. Nelle mie foto o video ho avuto la fortuna di esprimermi in ruoli anche molto diversi tra loro: posso essere sì Diabolik ma anche un manager, un postino, un giornalista o un sorridente padre di famiglia. Ovviamente è innegabile che un  certo tipo di fisicità ti predispone ad essere più adatto per determinati ruoli.

Claudio Morales attore Diabolik
  • Nasci come modello per poi diventare attore. Come mai questa passione?

Ho lavorato per anni come modello in Italia e all’estero, ho poi ho studiato recitazione a Roma e iniziato ad avere ruoli in fiction italiane. Ho anche girato da protagonista nelle Filippine 4 action/splatter movies. Avevo in me questa passione da anni. Il lavoro dell’attore ti dà in un certo senso la possibilità di vivere più vite. Probabilmente il mio rammarico è proprio quello di avere iniziato un pò tardi a lavorare come attore. Sia il lavoro di modello che che quello di attore richiedono motivazione, sacrificio, professionalità, spirito di adattamento. Come modello sono richieste logicamente delle caratteristiche fisiche non necessarie per lavorare come attore, ma di contro il lavoro dell’attore richiede una certa preparazione, un lavoro introspettivo e talento.

Claudio Morales serie Diabolik
Claudio Morales cinema Diabolik
Claudio Morales tv Diabolik
  • Progetti per il futuro e consigli per chi deve muovere i primi passi in questo ambiente.

Attualmente sto vivendo di base più in Inghilterra dove sto cercando di migliorare il mio inglese. Parallelamente vogliono incrementare il mio lavoro di attore anche in Italia. A chi vuole iniziare a lavorare come modello in Italia consiglio di trasferirsi a Milano e affidarsi ad agenzie serie come Ad Moda. Come attore consiglio di muovere i primi passi in teatro che rappresenta una scuola unica e di prepararsi e studiare in scuole serie e riconosciute.

Claudio Morales